Italiano

Gorle

Esposito Servizi Ecologici srl è autorizzata alla raccolta e al trasporto di rifiuti pericolosi e non pericolosi di provenienza sia urbana che industriale e all'attività di recupero terre da spazzamento.

Per quanto concerne la raccolta dei rifiuti, l’azienda organizza e gestisce la propria attività con un parco automezzi di circa 30 unità e, presso il proprio impianto, debitamente autorizzato, effettua, con macchinari specifici, la cernita, vagliatura, la triturazione, selezione e riduzione volumetrica, che consentono la lavorazione e il recupero di alte percentuali di plastica, legno, vetro e carta, materiali ferrosi, ecc., rispondendo con competenza e professionalità alle specifiche esigenze di Enti pubblici e aziende private.

L’impianto di selezione rifiuti si trova in via Trento 5 a Gorle ed è autorizzato a trattare 55.000 tonnellate/anno di rifiuti.

Il materiale non altrimenti valorizzabile viene inviato a smaltimento preso altri impianti, dando precedenza agli impianti che effettuano recupero energetico.

Operando con tempestività e puntualità Esposito Servizi Ecologici srl assicura il massimo livello di qualità dei servizi offerti, nel pieno rispetto delle disposizioni normative vigenti e di rigorosi requisiti ambientali che hanno portato l’azienda a conseguire la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001 per l’erogazione di servizi di raccolta, trasporto e conferimento di rifiuti pericolosi e non pericolosi e di stoccaggio, selezione e recupero di rifiuti non pericolosi.

Nell’ottica della più ampia soddisfazione del cliente, Esposito Servizi Ecologici srl mette a disposizione dei propri clienti servizi di consulenza e assistenza per l’espletamento di tutte le pratiche tecniche ed amministrative connesse all’attività di gestione dei rifiuti.

L'attività di recupero terre da spazzamento è effettuata presso l'impianto di via Maestri del Lavoro. L'impianto è costituito da una linea industriale capace di trattare in completa automazione i rifiuti provenienti dalla spazzatura delle strade, dalla pulizia delle caditoie, dall’eliminazione delle sabbie dei depuratori ed in grado di trasformare i rifiuti in materie prime differenziate e di qualità, certificate CE e conformi alla normativa dell’Unione Europea. Nella sezione di stoccaggio i rifiuti vengono conferiti con autospazzatrici, auto spurghi e automezzi con cassoni, vengono scaricati e da essa alimentati alle successive fasi di trattamento con l’ausilio di macchine operatrici.

Nella sezione di separazione e vagliatura i rifiuti grossolani e leggeri vengono eliminati preliminarmente mediante il passaggio da un vaglio stellare appositamente progettato e realizzato che consente, grazie all’azione di scuotimento esercitata, di separare anche l’eventuale frazione inorganica adesa a foglie e rifiuti misti, quali lattine, bottiglie, plastica in genere, aumentando in maniera significativa l’efficienza di recupero complessiva dell’impianto.

Il cuore dell’impianto è rappresentato dall’unità di lavaggio, studiata per il trattamento dei residui della pulizia stradale, nella quale il rifiuto subisce un lavaggio che permette il trasferimento delle sostanze inquinanti, (contenute nel rifiuto), all’acqua, grazie ad azioni di tipo chimico e fisico. Nello stesso tempo vengono separati gli inerti di granulometria superiore a 2 mm ed inviati ai rispettivi box di stoccaggio. La frazione rimanente, di dimensione inferiore e trascinata dall’acqua, viene inviata ad una successiva fase di lavaggio per la separazione, tramite idrociclone e classificatore a spirali, delle sabbie dal limo. Tutte le acque di lavaggio sono inviate ad una sezione di trattamento per la rimozione degli inquinanti prima dello scarico in fognatura, entro i limiti previsti dalle norme vigenti. Circa l’80% delle acque depurate viene ricircolato nell’unità di lavaggio e riutilizzato per il trattamento dei fanghi in ingresso.

L’impianto è in grado di trattare oltre 200 t/giorno di rifiuti e di recuperarne oltre il 70% in materie prime differenziate di elevata qualità, certificate CE e conformi alle norme tecniche di settore dell’Unione Europea. In particolare, in uscita dal processo di trattamento si ottengono i seguenti materiali destinati al recupero e/o smaltimento:

SABBIA 0,063-2 mm
GHIAINO 2-8 mm
GHIAIETTO 4-20 mm
MATERIALE GROSSOLANO 20-120 mm
FANGHI

Sabbia, ghiaino e ghiaietto vengono poi utilizzati nel settore dell’edilizia e nell’industria dei laterizi, della ceramica e dell’argilla espansa, e per la produzione di conglomerati cementizi, bituminosi e dei calcestruzzi.

Oltre ad una notevole valenza ambientale, l’impianto attua i principi contenuti nelle Direttive Comunitarie, regionali e provinciali e permette alle Amministrazione Pubbliche di ridurre i costi di smaltimento e nello stesso tempo contribuire al raggiungimento delle percentuali di recupero previste dalle normative vigenti e in particolare gli obiettivi dell’art. 205 del D.Lgs. 152/2006.

L'impianto di recupero terre da spazzamento è certificata ai sensi della norma UNI EN ISO 14001:2004 e registrata secondo il Regolamento (CE) n. 1221/2009 (EMAS III).

Ultimo aggiornamento della pagina avvenuto il 03/11/2016 alle 16:12 GMT

Vector Cuatro Group

Vector Cuatro Group
Delivered by Investis – link to website (opens in a new window)